Pecha Kucha il format per illustrare le proprie idee

Scopri il mondo di Pecha Kucha, 20 immagini in 20 secondi per creare un racconto

0
128

Pecha Kucha è il più recente modo per una discussione improntata all’innovazione. In giapponese è l’equivalente onomatopeico del più comune chit-chat inglese, ossia chiacchiera.

Ed è anche giapponese il format della Pecha Kucha Night, una serata informale che offre un tempo prefissato, 6 minuti e 40 secondi, a imprenditori, comunicatori, sceneggiatori, designer, architetti, videomaker, grafici, artisti e studenti consentendo loro l’opportunità di illustrare al pubblico la propria visione, storia e scenario o raccontare il proprio lavoro, le proprie idee, un’idea di business.

Il format Pecha Kucha: cosa è

Il format Pecha Kucha prevede una formula semplicissima: 20 immagini, 20 secondi per ogni immagine a disposizione di ogni singolo speaker. Ciò, per tenere alto il livello di attenzione del pubblico ed evitare che lo speaker di turno possa  divagare o compiacersi di se stesso con il risultato di annoiare il pubblico.

Pecha Kucha Night, come la web-chat,  è facile, accessibile, informale e con regole semplici per garantire a tutti e con uguali tempi una opportunità per far conoscere le proprie idee.

Pecha Kucha (si legge Pecia Cucia) è insomma una specie di lightning talk in formula zen, una presentazione breve di sole immagini. Al contrario del lightning talk che fissa solo un limite temporale di 5 minuti, il format pretende un numero fisso di slides e, per esse, l’assai rigorosa regola del 20×20.

Insomma: venti diapositive da commentare per venti secondi ciascuna, per un totale di poco superiore ai sei minuti.

Pecha Kucha: come realizzarlo

Il metodo non è facile: distribuire il proprio intervento su un numero fisso di diapositive dedicando la stessa durata di tempo a ciascuna richiede un allenamento assai severo, che però fornisce risultati ottimali.

Ecco qualche suggerimento: scrivere il testo, dividerlo in 20 blocchi, ridurre ogni blocco ad un totale di 35/40 parole ciascuno, allenarsi a leggerli, limandoli e calibrando il tempo di illustrazione.

Poi, per ogni blocco scegliere un’immagine che rappresenti il contenuto del testo e sia ad esso attinente.

Infine, servirà Power Point per realizzare le diapositive, per visitare il sito clicca qui

CONDIVIDI

RISPONDI

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome