Se sei alla ricerca di finanziamenti a fondo perduto per avviare la tua start up o per fare crescere la tua impresa sei nel posto giusto leggi e scopri tutte le novità del 2019.

Attraverso i finanziamenti a fondo perduto i giovani imprenditori posso avviare una start up e le imprese possono introdurre innovazione all’interno dei processi aziendali e sviluppare il loro progetto imprenditoriale.

Finanziamenti a Fondo Perduto 2019 i beneficiari

I potenziali beneficiari sono le imprese, le start up e i giovani aspiranti imprenditori che potranno sfruttare questa opportunità per acquistare macchinari, impianti, attrezzature e più in generale coprire i costi di avvio dell’attività imprenditoriale.

 

 

Finanziamenti a Fondo Perduto i migliori bandi del 2019 per le Start Up

Ecco tutti i bandi attivi nel 2019 per avviare un nuovo progetto imprenditoriale e creare una start up con il supporto dei contributi a fondo perduto.

Smart & Start Italia i finanziamenti a fondo perduto per le start up innovative

Finanziamento a fondo perduto per progetti imprenditoriali di significativo contenuto innovativo e tecnologico. I piani d’impresa possono comprendere soluzioni avanzate e attività di sviluppo di prodotti nell’ambito dell’economia digitale. Saranno ammessi preventivi di spesa tra 100 mila euro e 1,5 milioni di euro, anche per lo spin off da ricerca.

A chi si rivolge

I potenziali beneficiari del bando Smart and Start Invitalia sono le start up innovative di piccola dimensione, nate da non più di 60 mesi, o in fase di costituzione, e imprese straniere operative su tutto il territorio nazionale.

Le agevolazioni previste dal bando Smart & Start Italia

Le Start Up innovative selezionate usufruiranno di diversi incentivi:

  • finanziamento agevolato;
  • servizio di tutoring per imprese costituite da meno di un anno;
  • finanziamento a fondo perduto pari al 20% del finanziamento solo per le imprese localizzate nel Mezzogiorno.

Il prestito ammonta al 70% delle spese finanziabili e ha una durata massima di 8 anni. L’intensità dell’aiuto può essere estesa fino all’80%.

Come si invia la domanda

La richiesta di accesso al bando è da presentarsi on line in formato digitale, registrandosi ai servizi telematici di Invitalia e accedendo poi alla piattaforma dedicata a Smart & Start Italia. Le imprese candidate riceveranno risposta entro 60 giorni.

Normativa di riferimento

Decreto Ministero dello sviluppo economico 24 settembre 2014 – Smart & Start Italia

Decreto Ministero dello Sviluppo Economico 9 agosto 2017

Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (art. 25) – Startup innovative

Gestore

Invitalia – per conto del MISE.

Italia Venture: sviluppo d’impresa, crescita e consolidamento del patrimonio tramite venture capital

Il Fondo Italia Venture ha l’obiettivo di agevolare l’accesso al credito di PMI e start up innovative ed interviene a sostegno dei progetti di sviluppo d’impresa a medio-lungo termine. L’investimento nel capitale di rischio di piccole e medie imprese avviene contestualmente ad investitori privati indipendenti con cui condividono l’intento.

Con il 70% delle risorse pubbliche vengono finanziate le operazioni di sottoscrizione e/o acquisto, e/o l’erogazione, dei titoli e obbligazioni relativi al capitale di rischio, ovvero azioni e quote e altri strumenti finanziari. Il restante 30% è finanziato da risorse private.

A chi si rivolge

PMI che operano nell’innovazione di processi, bene e servizi, in settori con prospettivi di crescita ottimali.

Le agevolazioni

L’intervento Italia Venture I consiste nella partecipazione al capitale di rischio di PMI, secondo le condizioni di mercato e senza concessione di aiuti di Stato.

Modalità di accesso al bando

Il la modalità di accesso al finanziamento di Invitalia prevede la selezione delle imprese target e la valutazione delle relative operazioni di investimento e disinvestimento, attraverso l’intervento del Comitato Investimenti.

Normativa di riferimento

Decreto Ministero dello sviluppo economico 24 settembre 2014 – Smart & Start Italia

Decreto Ministero dello Sviluppo Economico 9 agosto 2017

Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (art. 25) – Startup innovative.

Gestore

Invitalia Ventures SGR S.p.A.

Nuove imprese a tasso zero

Il bando Nuove Imprese a Tasso Zero sostiene la nuova imprenditorialità su tutto il territorio nazionale, attraverso l’avvio e lo sviluppo di micro e piccole imprese a prevalente, o totale partecipazione, di soggetti giovani o femminili e facilitando l’accesso al credito con condizione agevolate.

A chi si rivolge

Micro, piccole e medie imprese localizzate in Italia, costituite nella maggioranza da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni, o da donne. Le imprese devono essere state avviate da non più di 12 mesi e non aver alcuna procedura concorsuale o liquidazione in corso, ne aver ricevuto altri aiuti, ritenuti illegali o incompatibili dalla Commissione Europea.

Le agevolazioni

L’incentivo consiste in un finanziamento agevolato, a tasso zero per un importo non superiore a 75 milioni di euro. Sono ammessi gli interventi di:

  • produzione di beni nel settore industria, artigianato e trasformazione di prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone, relativi a qualsiasi settore;
  • turismo e commercio;
  • attività nella filiera turistico-culturale o nell’innovazione sociale.

Modalità di accesso al bando

La domanda di finanziamento si presenta online in formato digitale. Per procedere occorre registrarsi ai servizi telematici di Invitalia e, poi, accedere alla piattaforma web preposta. La concessione delle agevolazioni è confermata entro 60 giorni dall’invio della domanda.

Normativa di riferimento

Decreto legislativo n. 185/2000 (Titolo I)

Decreto 8 luglio 2015 n. 140

Gestore

Invitalia – per conto del MISE

 

 

Finanziamenti a Fondo Perduto 2019 tutti i nuovi bandi per le Imprese e le PMI

Ecco una panoramica di tutti i nuovi bandi del 2019 per le imprese le PMI.

Nuova Sabatini: investimenti in attrezzature, impianti, beni strumentali e digitali

La Nuova Sabatini è il finanziamento agevolato per l’acquisto o l’acquisizione in leasing di beni tecnologici a uso produttivo, macchinari, apparati e strumentazioni digitali e non.

A chi si rivolge

Micro, piccole e medie imprese attive e operative in Italia, in tutti i settori di produzione di beni e servizi. Sono escluse le attività nell’ambito finanziario, assicurativo e quelle legate al campo dell’esportazione.

Le agevolazioni

L’incentivo consiste nella garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI e in un contributo in conto impianti con le seguenti caratteristiche:

  • valore pari agli interessi calcolati su un finanziamento di 5 anni;
  • importo uguale all’investimento;
  • tasso d’interesse annuo pari al 2,75% per i beni ordinari e 3,575% per le tecnologie digitali e gli investimenti nei sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Modalità di accesso

La domanda di contributo si presenta presso l’istituto bancario o l’intermediario finanziario a cui si presenta la richiesta di finanziamento.

Normativa di riferimento

Articolo 2 del decreto-legge 21 giugno 2013, n.69

Decreto Interministeriale 25 gennaio 2016

Circolare direttoriale 14036 del 15 febbraio 2017 e ss.mm.ii.

Gestore

MISEDGIAI

Investimenti in attrezzature, impianti, macchinari innovativi e tecnologia digitale

Aiuto finanziario per i programmi di investimento che hanno l’obiettivo di accrescere la competitività delle imprese e, favorire la trasformazione del settore manifatturiero in Fabbrica intelligente, nelle Regioni meno innovative.

A chi si rivolge

Micro, piccole, medie imprese e liberi professionisti operanti nel settore manifatturiero, ovvero nelle attività facenti capo alla sezione C della classificazione ATECO 2007, escluse alcune, nelle Regioni meno sviluppate.

Agevolazioni

L’incentivo è doppio e consiste in:

  1. finanziamento a fondo perduto;
  2. finanziamento agevolato pari al 75% delle spese ammissibili.

Le micro e piccole imprese beneficeranno dell’agevolazione, composta dal 35% di contributo e dal 40% di finanziamento. Invece, per le medie imprese, l’incentivo è pari al 25% di contributo e 50% di prestito.

Modalità di accesso

La domanda di finanziamento si presenta online sul sito del MISE. La concessione delle agevolazioni è condizionata alla capacità di restituzione del finanziamento.

Normativa di riferimento

Decreto ministeriale 9 marzo 2018

Decreto ministeriale 21 maggio 2018

Decreto direttoriale 16 novembre 2018

Gestore

Invitalia – per conto del MISE.

Voucher Innovation Manager. Investimenti per consulenze alle imprese innovative

Il Voucher Innovation Manager favorisce le consulenze specialistiche che hanno l’obiettivo di guidare la business trasformation in ambito tecnologico e digitale. L’aiuto è finalizzato a sostenere la figura del manager dell’innovazione, che supporterà l’utilizzo delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, i processi di rinnovamento gestionale e organizzativo dell’impresa e l’accesso ai capitali, nonché ai mercati finanziari.

A chi si rivolge

PMI e reti di piccole e medie imprese che condividono un programma comune di sviluppo di processi innovativi orientati alla trasformazione tecnologica e digitale. Inoltre, le aziende beneficiarie hanno progetti di ammodernamento della gestione e organizzazione interna, di accesso ai capitali e ingresso nei mercati finanziari.

Agevolazioni

L’incentivo consiste in un finanziamento a fondo perduto nella forma di voucher. L’aiuto economico è concesso in regime de minimis (Reg. (UE) n.1407/2013), in modo differenziato a seconda del soggetto beneficiario, nelle seguenti misure:

  • 50% dei costi sostenuti fino a € 40.000 per le piccole imprese
  • 30% dei costi sostenuti fino a € 25.000 per le medie imprese
  • 50% dei costi sostenuti fino a € 80.000 per le reti di imprese

L’erogazione delle agevolazioni è subordinata alla sottoscrizione di un contratto di servizio tra l’impresa beneficiaria e la società di consulenza, o un professionista qualificato, iscritti all’albo istituito dal MISE. Nell’accordo finalizzato alla consulenza devono essere comprese le prestazioni specialistiche per le attività di trasformazione tecnologica e digitale relative ai processi e all’applicazione delle tecnologie abilitanti Industria 4.0, riorganizzazione gestionale dell’impresa e accesso ai mercati finanziari e di capitali.

Normativa di riferimento

Legge 145/2018, art.1, commi 228, 230-231

Gestore

MISE-DGIAI

Contratto di Sviluppo per grandi progetti Invitalia

Il bando vuole favorire la realizzazione di importanti progetti di sviluppo per rafforzare la struttura produttiva del Paese. I contratti di sviluppo ammessi sono investimenti di almeno 20 milioni di euro con queste caratteristiche:

  • industriali;
  • trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli (investimenti di almeno 7,5 milioni di euro)
  • per la tutela dell’ambiente;
  • attività turistiche che comprendono fino al 20% degli investimenti complessivi;
  • programmi di sviluppo del commercio in aree ad elevata disoccupazione.

Ogni progetto potrà prevedere il recupero o la riqualificazione di strutture dismesse, la realizzazione o il consolidamento di sistemi di filiera.

A chi si rivolge il Contratto di Sviluppo per Grandi Progetti Invitalia

I beneficiari sono le imprese italiane o estere, operanti sul territorio nazionale.

Agevolazioni

Gli inventivi a favore delle imprese sono:

  • finanziamento agevolato
  • contributo in conto interessi
  • contributo in conto impianti
  • contributo diretto alla spesa.

Le agevolazioni possono essere concesse singole o in combinazione tra loro e determinate in funzione della tipologia del progetto, della localizzazione e della dimensione dell’impresa.

Modalità di accesso alle agevolazioni del Contratto di Sviluppo per Grandi Progetti Invitalia

La domanda si presenta on line, attraverso una procedura digitalizzata sulla piattaforma web dedicata. Per candidarsi occorre registrarsi ai servizi telematici di Invitalia e compilare la modulistica preposta.

La concessione delle agevolazioni sarà confermata mediamente entro 60 giorni dall’invio della domanda.

Normativa di riferimento

Articolo 43 DL 112/2008

DM 9 dicembre 2014 e successive modifiche ed integrazioni

Gestore

Invitalia – per conto del MISE.

 

 

Fondo di Garanzia. Accesso al credito bancario per piccole e medie imprese

Il Fondo di Garanzia favorisce l’accesso al credito bancario delle PMI, con garanzie dirette e controgaranzie a Confidi e altri fondi di garanzia per le imprese.

A chi si rivolge

Piccole, medie imprese e professionisti che operano sul territorio nazionale e in tutti i settori di attività, ad esclusione di quello finanziario, assicurativo e con alcune limitazioni in ambito agricolo, pesca e acquacoltura. Le imprese possono accedere al Fondo di Garanzia se il loro stato economico e finanziario è sano e per tutte le operazioni finanziarie ammissibili.

Nel dettaglio si tratta di finanziamenti di investimenti, di capitale circolante, di liquidità, leasing, mini bond e altre tipologie, purchè funzionali all’attività d’impresa.

Agevolazioni

L’aiuto consiste nella garanzia pubblica alle imprese che necessitano di accedere al credito bancario. La Garanzia può essere concessa:

  • fino a 200.000 euro per impresa unica, secondo quanto previsto dal regolamento generale de minimis
  • fino al 20 % delle spese ammissibili nel caso di piccole imprese, ovvero al 10 % nel caso di medie imprese,

ai sensi dell’articolo 17 del regolamento (UE) n. 651/2014.

Modalità di accesso

La richiesta di accesso al Fondo di Garanzia si presenta in banca o al Confidi, quali soggetti intermediari.

Normativa di riferimento

Legge 23 dicembre 1996, n. 662 (art. 2, co. 100, lett. a)

Legge 7 agosto 1997, n. 266 (art. 15)

Gestore

Raggruppamento Temporaneo di Impresa con Banca del Mezzogiorno-MedioCredito Centrale S.p.A. in qualità di mandatario.

Grandi progetti innovativi accordi di Ricerca e Sviluppo

Intervento di finanza agevolata per i progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, proposti per realizzare nuovi prodotti, processi o servizi o migliorare quelli già esistenti. L’obiettivo prevede l’applicazione delle tecnologie identificate nel Programma quadro dell’Unione Europea per la ricerca e Orizzonte 2020 per l’innovazione 2014-2020.

Ogni proposta candidata deve prevedere attività di ricerca e sviluppo per un importo compreso tra 5 milioni e 40 milioni di euro.

A chi si rivolge

Imprese di ogni dimensione operanti su tutto il territorio nazionale nei seguenti settori:

  • industria;
  • agro-industria;
  • servizi all’industria;
  • centri di ricerca.

Agevolazioni

Le imprese beneficeranno di un finanziamento a fondo perduto e di un finanziamento agevolato. L’importo erogato è definito durante l’accordo e con l’obbligo di cofinanziamento di Regioni, Province autonome e altre AP interessate all’Accordo, per almeno il 3% dei costi.

Presentazione della domanda

Il progetto deve essere presentato dall’impresa per via telematica, inviando la richiesta all’indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Normativa di riferimento

DM 24 maggio 2017

DD 25 ottobre 2017

Gestore

RTI formato da Mediocredito Centrale, CNR, Mediocredito Italiano, Artigiancassa, Unicredit, UBI, MPS e Banco di Sardegna.

Voucher Internazionalizzazione

Finanziamento a fondo perduto sotto forma di voucher per le imprese che vogliono sviluppare l’attività imprenditoriale all’estero, attraverso la figura esperta del Temporary Export Manager o TEM. L’azienda, con l’apporto dello specialista dell’internazionalizzazione, mette a punto progetti, processi e programmi per investimenti sui mercati esteri.

A chi si rivolge

Il Voucher Internazionalizzazione si rivolge alle PMI, piccole e medie imprese in qualsiasi forma giuridica e alle Reti di PMI, che abbiano un fatturato minimo di 500 mila euro nell’ultimo esercizio contabile concluso. Tale condizione non è richiesta nel caso di Start Up innovative.

Agevolazioni

Il finanziamento a fondo perduto è concesso attraverso due tipologie di voucher:

  1. early stage di un importo pari a euro 10.000 (8.000 euro se l’impresa ha già beneficiato della prima edizione del voucher), a fronte di un contratto di servizio di 13.000 euro, al netto dell’Iva.
  2. advanced stage di un importo pari ad euro 15.000, per contratti di servizio di almeno 25.000 euro, al netto dell’IVA.

Le agevolazioni sono concesse nei limiti e nel rispetto del regolamento (UE) n.1407/2013 de minimis.

Le imprese candidate hanno a disposizione un elenco pubblico sul sito del MISE, per procedere con la scelta della società fornitrice del servizio.

Modalità di accesso

La domanda di accesso al contributo viene valutata a secondo dell’ordine cronologico di invio e attraverso la verifica delle informazioni dichiarate dall’impresa. Inoltre, la concessione del voucher è subordinata alle riserve finanziarie.

Normativa di riferimento

Comma 2, lettera i) e comma 4 dell’articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164

Gestore

MISE – Direzione Generale Incentivi Alle Imprese a valere su risorse della Direzione Generale Per le Politiche di Internazionalizzazione e la promozione degli scambi.

 

 

Internazionalizzazione: Legge 295/1973 per il supporto delle imprese

Il supporto all’export è un contributo agli interessi su finanziamenti concessi alle imprese da istituti bancari italiani o stranieri. Si tratta quindi di un credito all’esportazione, ovvero credito acquirente e credito fornitore, quale strumento a favore degli investimenti sui mercati esteri.

A chi si rivolge

Imprese operanti nell’export di beni d’investimento verso tutti i paesi del mondo, ad esclusione di quelli per i quali sono previste delle restrizioni attuate dal Consiglio dell’Unione Europea.

Agevolazioni

La misura agevola il finanziamento export concesso dalle banche italiane o estere, con la stabilizzazione del tasso fisso CIRR e un contributo in conto interessi. Nel dettaglio le imprese esportatrici italiane possono proporre agli acquirenti o ai committenti esteri, dilazioni di pagamento, a condizioni competitive, secondo gli accordi OCSE e di durata pari o superiore a 2 anni dalla concessione del credito e secondo quanto previsto dagli accordi internazionali del Paese debitore.

Modalità di accesso

La domanda di accesso alle agevolazioni viene presentata dalla banca italiana o straniera, utilizzando il modulo dedicato o conforme, corredato della documentazione richiesta. La richiesta può essere presentata dall’impresa che svolge l’attività di esportazione solo nel caso di operazioni di smobilizzo a tasso fisso, ovvero uno sconto, sul mercato estero.

Normativa di riferimento

Art. 3 della L. 295/73, D. Lgs 143/98

Gestore

SIMEST

Rilancio Aree Industriali Colpite da Crisi Legge 181/89

Il bando Rilancio Aree Industriali Colpite da Crisi Legge 181/89 ha l’obiettivo di favorire il sostegno e la reindustrializzazione delle aree svantaggiate, oggetto di crisi industriale complessa e non complessa.

A chi si rivolge

  • Società di capitali
  • Società cooperative e consortili

I progetti beneficiari sono programmi d’investimento riguardanti unità produttive localizzate nelle aree di crisi industriale complessa o non complessa.

Agevolazioni

L’aiuto economico è concesso alle imprese in diverse forme: finanziamenti agevolati pari al 50% delle spese ammissibili, contributi a fondo perduto e contributo diretti alla spesa quantificato in base al valore del prestito agevolato e secondo quanto previsto dal regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014.

I criteri di valutazione per l’erogazione delle agevolazioni sono:

  • credibilità dell’impresa richiedente;
  • fattibilità tecnica, economica e finanziaria del piano di investimento;
  • programma occupazionale previsto dal progetto imprenditoriale;
  • potenzialità del mercato di riferimento, competitività dell’iniziativa proposta e relative strategie di marketing.

Modalità di accesso

L’accesso alle agevolazioni avviene mediante una procedura a sportello.

Normativa di riferimento

DM MISE 9 giugno 2015.

Gestore

Invitalia – per conto del MISE

Investimenti Ricerca e Sviluppo: il bando Fabbrica Intelligente, Agrifood e Scienze della Vita

Intervento di finanza agevolata a favore dei progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici della Fabbrica Intelligente, Agrifood e Scienze della Vita. Ogni proposta dovrà prevedere attività R&S per un importo compreso tra 5 milioni e 40 milioni di euro.

A chi si rivolge

L’agevolazione si rivolge a:

  • Imprese operanti nel settore industriale, agro-industriale o servizi all’industria, compreso l’ambito artigiano per la produzione di beni;
  • centri di ricerca;
  • imprese agricole con progetti nel settore Agrifood.

Agevolazioni

L’incentivo consiste in una doppia opportunità:

  1. finanziamento a fondo perduto;
  2. finanziamento agevolato.

L’importo delle agevolazioni viene calcolato in fase di negoziazione, con l’obbligo di sottoscrizione di un cofinanziamento con Regioni, province autonome e AP interessate all’Accordo, per una percentuale minima del 3% della spesa ammissibile.

Come si presenta la domanda

Le imprese presentano la candidatura on line, inviando la proposta progettuale tramite il sito https://fondocrescitasostenibile.mcc.it

Normativa di riferimento

DM 5 marzo 2018

DD 27 settembre 2018.

Gestore

RTI formato da: Mediocredito Centrale (capofila), CNR, Mediocredito Italiano, Artigiancassa, Unicredit, UBI, MPS e Banco di Sardegna.

 

 

Credito di Imposta per Investimenti nel Mezzogiorno. Il PON FESR 2014-2020 per l’acquisto di beni strumentali

Il credito d’imposta è uno strumento di finanza agevolata per l’acquisto di macchinari, impianti e software destinati alle imprese ubicate nel Mezzogiorno. L’investimento deve riguardare gli ambiti connessi alla Strategia nazionale di Specializzazione Intelligente e ammontare almeno a 500.000 euro.

A chi si rivolge

I soggetti beneficiari sono tutte le PMI che hanno strutture produttive attive nelle Regioni del Mezzogiorno. Le imprese candidate sono operanti in tutti i settori, esclusi quelli indicati nella sezione A della classificazione Ateco 2007.

Agevolazioni

L’incentivo consiste nel credito d’imposta, quantificato in base alle spese ammissibili. L’intensità di aiuto per i beni agevolabili è calcolata in modo differente per piccole, medie e grandi imprese e a seconda delle regioni del Mezzogiorno in cui sono localizzate, ovvero in quelle meno sviluppate o in quelle in transizione.

Modalità di accesso

Le imprese candidate possono richiedere il credito d’imposta all’Agenzia delle Entrate, utilizzando i canali telematici.

Normativa di riferimento

Legge 28 dicembre 2015, n. 208, articolo 1, commi da 98 a 108

D.L. 29 dicembre 2016, n. 243 (Art. 7quater)

DM 29 luglio 2016

DD 4 gennaio 2017

DM 9 Agosto 2017

DD 23 Aprile 2018

Gestore

MISE – DGIAI

Credito d’imposta per gli investimenti in Ricerca e Sviluppo

Il credito d’imposta per le spese di Ricerca e Sviluppo è erogato fino ad un massimo di 10 milioni di euro all’anno, per ogni beneficiario, e calcolato su una base fissa data dalla media dei costi sostenuti per le medesime attività negli anni 2012-2014.

A chi si rivolge

Il credito d’imposta è un aiuto economico per tutte le imprese che investono nelle attività di ricerca e sviluppo. Non sono previste limitazioni di forma giuridica, dimensione e regime contabile o settore di produzione.

Agevolazioni

Il credito d’imposta è un’agevolazione fiscale, concessa nella misura del 25%. L’intensità di aiuto può essere elevata al 50% per le spese relative a:

  • risorse umane impiegate nelle attività di ricerca e sviluppo, dipendenti delle imprese attraverso un rapporto di lavoro subordinato o a tempo determinato;
  • contratti di ricerca stipulati con start up e PMI innovative, nonché università, enti di ricerca e organismi equiparati.

Modalità di richiesta

L’accesso al credito d’imposta è automatico, ovvero compensabile in F24, quindi riportato nel quadro RU del modello Unico relativo al periodo d’imposta relativo all’investimento agevolato.

Normativa di riferimento

Articolo 3 del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145 – Interventi urgenti e ss.mm.

Legge 30 dicembre 2018, n. 145 (art. 1, commi da 70 a 72)

Fondo Rotativo per il Sostegno alle Imprese e agli Investimenti nella Ricerca

Il Fondo Rotativo per il Sostegno alle Imprese e agli Investimenti nella Ricerca è una misura agevolativa di medio-lungo termine che sostiene gli investimenti nella ricerca e le imprese che operano nel sociale, nell’ambito dell’industria sostenibile e del digitale e nei contratti di filiera. L’intervento prevede l’erogazione di finanziamenti alle imprese a tasso agevolato, attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, ovvero il CDP e il sistema bancario. L’agevolazione è pari al 50% del finanziamento e può arrivare fino al 90% per i programmi di ricerca, sviluppo e innovazione.

A chi si rivolge

Le imprese destinatarie sono quelle per le quali i Ministeri hanno previsto l’utilizzo del Fondo Rotativo per le Imprese.

I principali settori agevolati dal Fondo sono:

  • ricerca & Sviluppo;
  • innovazione tecnologica;
  • industria;
  • turismo
  • commercio;
  • artigianato;
  • agricoltura;

Agevolazioni

Il Fondo Rotativo per le imprese è un finanziamento agevolato, il cui tasso minimo è applicato dal CDP, nella misura del 0,50% nominale annuo o del 0,80%. La quota di finanziamento concessa dalla banca prevede un tasso concordato con l’impresa beneficiaria, secondo l’andamento del mercato.

La liquidità messa a disposizione da CDP è di 6 miliardi di euro.

Come partecipare

L’impresa beneficiaria sottoscrive un contratto di finanziamento che prevede una quota fino al 90%, concessa a tasso agevolato da CDP e una quota a tasso di mercato, concessa dalla banca.

Nel caso di CDP, la liquidità è messa a disposizione in modalità diretta. Le agevolazioni si richiedono presso i Ministeri competenti che prevedono l’accesso al Fondo Rotativo, ovvero il MISE e MIPAAFT e nelle banche finanziatrici delle specifiche misure agevolative.

Gestore

MISE – Altri Ministeri titolari delle agevolazioni – Cassa Depositi e Prestiti – Banche aderenti

Patent box per valorizzare l’asset

Tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo di software protetto da copyright, brevetti, disegni e modelli industriali, nonché processi, formule e informazioni relative ad esperienze in ambito industriale, commerciale o scientifico, giuridicamente tutelabili.

A chi si rivolge

Questo regime è opzionale per i soggetti titolari di reddito d’impresa, senza limiti imposti circa la tipologia di contabilità adottata o forma giuridica.

Agevolazioni

Patent Box è un’agevolazione fiscale nella quale rientrano i redditi derivanti da:

  • utilizzo di software informatico protetto da copyright;
  • brevetti industriali per invenzioni;
  • certificati complementari di protezione, di disegni e modelli industriali e di processi, formule e informazioni ottenute con esperienze fatte nel settore industriale, commerciale o scientifico;
  • utilizzo congiunto di due o più beni immateriali, complementari ai fini della realizzazione di uno o più prodotti, o di un processo o di un gruppo di processi.

Modalità di accesso

Le imprese che decidono di optare questo regime procedono con la comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate, compilando l’apposito modello online, o direttamente agli sportelli, oppure attraverso i soggetti incaricati. Tale opzione, irrevocabile e rinnovabile, va espressa nella dichiarazione dei redditi, nel primo periodo d’imposta e per la durata di 5 periodi d’imposta.

Normativa di riferimento

Articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre 2014 n. 190; decreto “Patent Box” del 28 novembre 2017 (recante le disposizioni di revisione del precedente decreto del 30 luglio 2015).

Gestore

Agenzia delle entrate

 

 

Finanziamenti a Fondo perduto 2019 come richiederli

La proposta di bandi pubblici e agevolazioni per le imprese e le start up è molto ampia. Ecco perché la prima cosa da fare è individuare il tipo di finanziamento a fondo perduto più giusto per le proprie esigenze e verificare di essere in possesso dei requisiti richiesti.

La domanda di finanziamento

La presentazione della richiesta di accesso al finanziamento a fondo perduto è una fase molto delicata che richiede attenzione e cura dei dettagli.

All’interno del bando trovi sempre tutte le istruzioni per compilare senza errori la tua domanda, l’elenco dei documenti da allegare e la data di scadenza entro cui procedere all’invio.

Il modulo di richiesta è digitale, ovvero disponibile su una piattaforma online dove occorrerà accreditarsi.

Nella documentazione a corredo ti sarà richiesto il business plan o il piano d’impresa, completo di tutti gli aspetti tecnici, economici e finanziari, fondamentali per valutare la fattibilità del progetto.

La redazione della domanda di finanziamento e la predisposizione del business plan e degli allegati necessari, sono attività di cui puoi occuparti personalmente, oppure le puoi delegare ad un team di professionisti della finanza agevolata.

La valutazione

Le domande saranno accolte in base all’ordine cronologico o attraverso una procedura a sportello.

Poi, seguirà la verifica dei requisiti e delle condizioni per l’assegnazione del contributo, erogato solo dopo la firma del contratto di finanziamento.

Ricorda che…

La domanda sarà respinta in caso di errori, inesattezze o procedure di invio completate oltre la scadenza.

I vincoli del beneficiario

Quali sono gli obblighi delle imprese che hanno ottenuto il finanziamento a fondo perduto? Ecco un breve elenco che li riassume:

  • periodo minimo di esercizio di almeno 5 anni;
  • mantenimento della sede operativa d’intervento nel territorio oggetto dell’agevolazione;
  • vincolo d’impiego dei beni finanziati di almeno 5 anni dalla data di inizio attività.

Chiedi ai nostri esperti se il tuo progetto imprenditoriale può ottenere un finanziamento a fondo perduto.

 

 

Dai un voto a questo articolo:
[Totale: 2 Media: 5]

Pin It on Pinterest

Share This