Smart and Start 2017

Smart and Start il finanziamento di Invitalia per le start up innovative

4
671

Smart and Start 2017: è stato pubblicato da Invitalia il decreto che stanzia ulteriori 45 milioni per agevolare i finanziamenti per le start up.

Smart and Start 2017 pensi non sia adatto per finanziare la tua start up?

Scopri tutti i bandi per le start up!

Compila il nostro breve questionario cliccando qui 

La misura è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale e si tratta di un decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 9 agosto 2016. Secondo il provvedimento, i 45,5 milioni di euro andranno a potenziare lo strumento Smart & Start Italia, in relazione al Pon Imprese 2014/2020.

Smart and Start 2017: il finanziamento per le start up

Con lo stesso decreto, sono stati assegnati anche ulteriori 100 milioni Smart e Start il finanziamento Invitalia.

Queste risorse sono destinate al programma Nuove Imprese a Tasso Zero, a sostegno dell’autoimprenditorialità con Selfiemployment e Cultura Crea

Potresti essere interessato a: Finanziamenti Regione Campania Start Up

Smart and Start 2017: cosa fa Invitalia

Entrambi i fondi di finanziamento start up sono gestiti da Invitalia.
Secondo il decreto del 9 agosto scorso, le risorse in oggetto, sono volte a favore delle neo imprese del Mezzogiorno. Da un lato il rifinanziamento del regime d’aiuto con la dotazione di 45,5 milioni di euro, a valere sul Pon Imprese e competitività 2014/2020. Si tratta di fondi per il finanziamento di progetti per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative e di spin off.

Di questi, 33 milioni sono assegnati alle start up innovative che si trovano in Basilicata, Campania, Calabria, puglia e Sicilia. In particolare, per quelle imprese che si trovano nelle aree meno sviluppate. Gli altri 12 milioni sono destinate per le imprese operanti in Abruzzo, Molise e Sardegna.

Altrimenti, i fondi possono andare in favore delle start up innovative ubicate nelle restanti regioni sul territorio nazionale. Relativamente alle risorse del Fondo per la crescita sostenibile.

Leggi anche: Finanziamenti Regione Lombardia Start Up

Smart and Start 2017: le risorse

Smart&Start Italia sostiene le start up innovative ad alto contenuto tecnologico. Il fine è quello di stimolare una nuova cultura imprenditoriale legata all’ economia digitale. Nel 2014, con la prima edizione dedicata alle sole regioni del Mezzogiorno, Smart & Start ha finanziato 442 imprese, per un totale di 75,4 milioni di agevolazioni concesse.

Smart & Start è uno strumento messo in campo dal Ministero dello Sviluppo Economico che con il DM 24 settembre 2014. Questo strumento ha rinnovato le agevolazioni per le start-up innovative estendendole all’intero territorio nazionale.

Start up innovative i finanziamenti di Invitalia: come ottenerli

La business idea dovrà avere caratteristiche tecnologiche e innovative. Oppure sviluppare prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale. O, ancora, valorizzare economicamente i risultati del sistema della ricerca.

L’agevolazione consiste in un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto proposto.

Per le Start up del Mezzogiorno e del Cratere Sismico Aquilano è prevista anche una componente di fondo perduto. Le start-up costituite da meno di un anno usufruiscono di servizi di tutoraggio tecnico-gestionale.

Bandi regionali: Finanziamenti Regione Molise / Finanziamenti Regione Basilicata

Come presentare la domanda

Per richiedere le agevolazioni Smart & Start è necessario registrarsi alla piattaforma dedicata ai servizi online di Invitalia. E’ necessario poi indicare qui un indirizzo di posta elettronica ordinario. Una volta registrati accedere al sito riservato per compilare direttamente online la domanda. Caricare il business plan e la documentazione da allegare. Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Hai dubbi o domande?

Inserisci la tua richiesta nei commenti.

4 COMMENTI

  1. mia nipote vorrebbe svolgere in proprio l’attività di parrucchiera. Pertanto vorrebbe ristrutturare e rendere idoneo un locale di proprietà per la nuova attività. Ho cercato di leggere le Gazzette Ufficiali alla ricerca di agevolazioni e prestiti a fondo perduto o a tassi agevolati. Dico una sola cosa; MI E’ VENUTO IL MAL DI TESTA A LEGGERE LE GAZZETTE UFFICIALI PER LA COMPLESSITA’ DI ARTICOLI , LEGGI E DECRETI LEGISLATIVI A CUI FANNO RIFERIMENTO. NON CI SI CAPISCE UN TUBO !!!!!!!! SE QUESTA PUO’ CHIAMARSI SEMPLIFICAZIONE , PER AGEVOLARE L’OCCUPAZIONE GIOVANILE O CREARE UNA PROPRIA ATTIVITA’. VIVA LA COMPLESSITA’

  2. Gentile Angelo leggere ed interpretare i bandi di finanziamento non è una cosa semplice. Purtroppo il bando Smart e Start non è adatto a finanziare l’attività che intende avviare tua nipote. Esistono due finanziamenti di Invitalia adatti per l’attività di parrucchiera che intende avviare tua nipote.

  3. Certo di recente Invitalia non solo ha destinato ulteriori risorse a questo bando ma ha anche assicurato che i tempi di istruttoria saranno molto brevi

RISPONDI

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome