Il Fondo Starter Emilia Romagna è un finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per gli aspiranti imprenditori. L’intervento della Regione, a compartecipazione privata, intende favorire la nascita di nuove attività imprenditoriali sul territorio e di sostenere quelle già attive nel settore della specializzazione intelligente denominato S3.

Entra nel dettaglio per conoscere tutti i dettagli del bando.

Come funziona il Fondo Starter Emilia Romagna

L’operazione di finanza agevolata per gli aspiranti imprenditori è regolamentata dal POR FESR 2014/2020 Azione 3.5.1. Scopriamo a chi si rivolge e quali sono i progetti e le spese ammissibili.

I potenziali beneficiari

La domanda di accesso al finanziamento potrà essere presentata da tutte le piccole imprese, sia singole che associate, nate al massimo 5 anni prima dalla data di invio della richiesta. I settori interessati sono quelli del turismo, servizi e no profit, industria, artigianato e cultura.

I progetti finanziabili

Sono 5 le tipologie di intervento che possono essere ammesse per l’erogazione dei fondi.

  1. Innovazione produttiva e di servizio.
  2. Sviluppo organizzativo.
  3. Definizione di prodotti e servizi con potenzialità concrete di sviluppo.
  4. Consolidamento e creazione di nuovi posti di lavoro sulla base di piani industriali.
  5. Introduzione di soluzioni avanzate per la manifattura digitale e uso efficace degli strumenti ICT in dotazione.

Le spese ammissibili

Le voci di spesa che saranno riconosciute valide per il finanziamento a tasso agevolato dovranno riguardare opere edili e impianti, l’acquisto di macchinari e attrezzature funzionali al progetto, la partecipazione a fiere ed altri eventi promozionali, interventi di innovazione e ricerca e consulenze specialistiche.

Gli incentivi per le imprese in Emilia Romagna

Il Fondo Starter prevede il riconoscimento di un finanziamento a tasso agevolato con provvista mista, ovvero erogato con il 70% delle risorse pubbliche derivanti dal Piano Operativo Regionale FESR 2014-2020 e il restante 30% da risorse messe a disposizione da istituti di credito convenzionati.

Leggi: Finanziamenti a Fondo Perduto 2018 Bandi Maggio

Il finanziamento nel dettaglio

Le agevolazioni saranno erogate alle imprese sotto forma di mutuo chirografario della durata compresa tra i 36 e 96 mesi, con incluso un preammortamento massimo di 1 anno. L’importo finanziabile potrà essere di minimo 20 mila e massimo 300 mila euro, comunque del 100% del progetto presentato.

I soggetti beneficiari avranno l’onere degli interessi, calcolati come media ponderata tra il tasso d’interesse allo 0,00% previsto per il finanziamento derivante da provvista pubblica e quello a provvista bancaria, pari all’Euribor 6 mesi mmp + spread massimo del 4,75%.

La presentazione della domanda

Per accedere al Fondo Starter Emilia Romagna compila la domanda on line entro il 7 maggio 2018. Prima scarica la guida e la modulistica necessaria a corredare la richiesta di tutte le informazioni previsti dalla procedura di valutazione. Unifidi, gestore del bando, ha messo a disposizione sul proprio sito web, l’elenco degli sportelli territoriali presenti nelle diverse Province della regione.

Se hai domande o dubbi, scrivi la tua richiesta nei commenti.