Bandi Regione Umbria Start Up

Bandi regione Umbria finanziamento a fondo perduto per i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni

0
461

Bandi regione Umbria per i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni residenti nella regione Umbria che mirano a sostenere la nascente imprenditoria locale e a combattere la disoccupazione.

Bando regione Umbria finanziamenti giovani imprenditori: chi può partecipare?

Possono presentare domanda le società e le imprese individuali costituite da non più di 12 mesi che svolgano attività di produzione e servizi. Questo bando ha delle caratteristiche molto simili al finanziamento Invitalia Smart and Start. Sono esclusi i settori dell’agricoltura, della pesca e dell’acquacoltura e le attività professionali iscritte in ordini, albi, elenchi e registri speciali o quelle realtà che derivano dalla continuazione di attività già operanti.

La società o l’impresa deve essere regolarmente costituita, non deve essere insolvente nei confronti della PA, deve avere la sede legale e amministrativa nel territorio regionale.

Potrebbero interessarti: Selfiemployment Garanzia Giovani / Resto al Sud

I titolari per accedere al finanziamento nuove imprese devono avere una età tra i 18 e i 35 anni e non devono essere dipendenti pubblici. Per le imprese i soci con questi stessi requisiti di età devono rappresentare almeno il 50% del gruppo totale, devono possedere almeno il 50% delle relative quote o azioni, devono essere residenti nella regione e non devono essere dipendenti pubblici.

Bandi Regione Umbria: di cosa si tratta?

I sovvenzionamenti dei bandi regionali in questione si dividono in contributi a fondo perduto in conto esercizio e provvedimenti per agevolare gli investimenti.

Le misure per gli investimenti comprendono l’anticipo fino al 75% degli investimenti non inferiori a 16 mila euro e superiori a 67 mila euro e un contributo per l’abbattimento dei tassi di interesse bancari fino a cinque punti percentuali per finanziamenti compresi tra 67 mila euro e 130 mila euro.

Finanziamenti start up: le spese ammesse

Sono ammissibili tutte le spese sostenute per costituire l’impresa per una somma massima di 1.300 euro. È prevista anche una quota di copertura del 50% delle spese del primo anno di attività per un importo massimo di 10.000 euro.

Nel dettaglio possono rientrare in quest’ultima tipologia i costi di affitto degli immobili, gli oneri finanziari a breve termine, la consulenza specialistica. Si può richiedere anche un sostegno a copertura delle spese per le garanzie bancarie per un massimo di 7.000 euro.

Finanziamenti a fondo perduto ecco i fondi regionali: come partecipare

Le istanze di partecipazione ai bandi Regione Umbria per accedere ai finanziamenti start up possono essere inoltrate fino al 31 maggio 2017. Sul sito della regione Umbria è possibile scaricare i moduli appositi che, opportunamente compilati, devono essere riconsegnati a mano all’archivio regionale o spediti con raccomandata a/r alla Direzione delle attività produttive dell’ente. Il materiale può pervenire anche a mezzo PEC

Alla domanda dovranno obbligatoriamente essere allegati il business plan, il curriculum vitae del partecipante o dei soci aderenti, una copia di un documento in corso di validità del soggetto che presenta la domanda, i preventivi delle spese relativi agli investimenti presenti e futuri, la situazione contabile e i titoli di proprietà degli eventuali immobili. Per una guida nella presentazione di tutti i dati necessari è possibile rivolgersi ad esperti professionisti che supporteranno i giovani imprenditori nel perseguimento di questo importante obiettivo di crescita.

RISPONDI

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome