Il Ministero per lo Sviluppo Economico prosegue con gli finanziamenti a fondo perduto per l’innovazione anche nel 2019, favorendo le imprese che investono nelle attività di ricerca e sviluppo. Infatti, con questo intervento finanziario, i protagonisti sono proprio i progetti di elevato impatto tecnologico, che realizzano nuovi prodotti, processi o servizi o migliorano quelli già esistenti.

Con questo bando, i migliori progetti d’impresa saranno premiati con finanziamenti a fondo perduto e un finanziamento agevolato. Se anche tu vuoi ottenere queste agevolazioni, entra nel dettaglio per avere tutte le informazioni sugli accordi per l’innovazione del Mise.

 

 

Finanziamenti a Fondo Perduto per l’Innovazione il ruolo del MISE

L’obiettivo principale di questa iniziativa è l’applicazione delle tecnologie identificate nel Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione 2014 – 2020 Orizzonte 2020.

Quali sono le imprese che possono candidarsi e per quali tipologie di progetti?

A chi si rivolge

La domanda di accesso alle agevolazioni può essere presentata da imprese innovative di qualsiasi dimensione, localizzate in tutte il territorio nazionale. I soggetti richiedenti devono possedere alcuni requisiti:

  1. essere operative in ambito industriale, agroindustriale, artigiano, ricerca o servizi per l’industria;
  2. avere almeno 2 bilanci approvati;
  3. investire una spesa compresa tra 5 milioni e 40 milioni di euro.

Possono partecipare al bando anche consorzi e partenariati, ovvero progetti in forma congiunta e, organismi di ricerca, per un massimo di 5 co-proponenti, dove ciascuno sostiene i costi in una percentuale pari al 10% per i grandi progetti e 5% per tutti gli altri.

Cosa finanzia

I progetti ammissibili sono tutti quelli riguardanti attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

  • Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)
  • Nanotecnologie
  • Materiali avanzati
  • Biotecnologie
  • Fabbricazione e trasformazione avanzate
  • Spazio
  • Tecnologie volte a realizzare i seguenti obiettivi della priorità “Sfide per la società” prevista dal Programma Orizzonte 2020

La realizzazione deve avvenire in un tempo non superiore a 36 mesi, a partire dalla presentazione della proposta e, comunque, non oltre 3 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni. Nello specifico si considera fase di avvio quella in cui viene iniziata la prima attività prevista dall’investimento.

Le spese ammissibili

Sono finanziabili tutte le spese relative a: personale dipendente; strumenti e attrezzature; consulenze e brevetti; spese generali; altri materiali usati per lo svolgimento del progetto.

Finanziamenti a Fondo Perduto per progetti innovativi

Le risorse finanziarie per gli Accordi per l’innovazione sono integrate, ovvero stanziate, sia dalla Comunità Europea e dallo Stato italiano attraverso il Mise, che da Regioni e Province Autonome con un co-finanziamento per almeno il 3% delle spese ammissibili complessive.

Numeri e misure del Finanziamenti a Fondo Perduto per l’Innovazione

Le agevolazioni consistono in un contributo diretto alla spesa a fondo perduto e un finanziamento agevolato. Il primo viene erogato in una percentuale pari a una quota base del 20% dei costi e delle spese ammissibili, più una quota equivalente concessa dalle regioni e dalle province; il secondo è riconosciuto nel limite del 20% dei costi complessivi ammissibili.

Presentazione della domanda

Attualmente sono ancora disponibili le risorse per le regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Toscana. Per l’invio della proposta, le imprese devono inviare i progetti all’indirizzo di posta elettronica: [email protected].

 

 

Dai un voto a questo articolo:
[Totale: 0 Media: 0]

Pin It on Pinterest

Share This