Nuova Impresa 2023: fondo perduto per MPMI e autoimprenditorialità

da | 29 Nov 2023 | News | 0 commenti |

Se hai da poco lanciato la tua impresa (o se sei un lavoratore autonomo che ha da poco aperto partita IVA), Nuova Impresa 2023 potrebbe essere il bando giusto per te. Promosso da Unioncamere Lombardia, lo sportello ha ricevuto una dotazione finanziaria di 1 milione di euro per il 2023 e si occupa di erogare contributi a fondo perduto per coprire fino al 50% dei costi (ammissibili) sostenuti in fase di lancio dell’impresa. Una misura estremamente ampia e inclusiva, che consente a un gran numero di beneficiari di vedersi riconoscere un’agevolazione per numerose spese: dall’acquisto di macchinari alle spese di consulenza, dai canoni di locazione all’acquisto di brevetti. Vediamo insieme in questa brevissima scheda quali sono le caratteristiche del bando Nuova Impresa 2023, cosa lo differenzia dai tanti finanziamenti a fondo perduto disponibili sul mercato italiano ed entro quando è possibile effettuare la domanda.

Nuova Impresa 2023: i beneficiari

Il bando Nuova Impresa 2023 è rivolto alle MPMI (micro, piccole e medie imprese) e ai lavoratori autonomi con domicilio fiscale in Lombardia. Tutte le imprese che intendono presentare la domanda devono però rispettare i seguenti parametri:

  • Le MPMI devono essere iscritte al Registro delle Imprese a decorrere dall’1/01/2023 gennaio;
  • I lavoratori autonomi devono essere dotati di partita IVA individuale a decorrere dal 1° gennaio del 2023.

Cosa finanzia il bando Nuova Impresa 2023?

Nuova Impresa 2023 nasce con l’obiettivo di facilitare l’avvio delle nuove imprese. Pertanto i contributi a fondo perduto riguardano quasi tutte le spese che solitamente devono essere sostenute quando si crea un’azienda:

  • Acquisto di beni durevoli: macchinari, arredi e strumentazione;
  • Acquisto di hardware e software necessari per lo svolgimento dell’attività;
  • Acquisto o sviluppo di brevetti;
  • Onorari notarili e professionali, consulenze;
  • Realizzazione di strutture in muratura;
  • Pagamento canoni di locazione;
  • Spese di comunicazione e marketing.

Una precisazione importante: per essere giudicati ammissibili, i progetti che vengono presentati devono comunque prevedere un investimento non inferiore ai 3.000 euro.

Nuova Impresa 2023: le agevolazioni

Ma a quanto ammonta il contributo a fondo perduto che si può ottenere grazie al bando Nuova Impresa 2023? L’agevolazione copre fino al 50% delle spese ammissibili presentate nel progetto (e comunque entro un limite invalicabile di 10.000 euro).

È chiaro che non si parla di grandi cifre, ma vista l’enorme quantità di spese ammissibili, dovrebbe essere molto semplice per qualsiasi azienda ottenere il massimo del contributo a fondo perduto previsto in Nuova Impresa 2023.

Nuova Impresa 2023: entro quando inviare la domanda

Non resta che parlare di scadenze: il bando Nuova Impresa 2023, attivato alle ore 14:00 del 27 aprile 2023, resterà aperto fino al 28 marzo 2024. C’è tempo fino alle ore 12:00 per inviare la domanda di contributo. Tutta la modulistica necessaria per presentare la domanda è disponibile nella sezione dedicata del sito web di Unioncamere Lombardia.

Dai un voto a questo articolo:
[Totale: 0 Media: 0]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prenota una consulenzaClicca qui
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.