Contratti di sviluppo, sportello Filiere produttive

da | 10 Nov 2023 | News | 0 commenti |

Se sei alla ricerca di agevolazioni per programmi di sviluppo industriale, probabilmente sei capitato sulla pagina giusta. Lo sportello “Filiere produttive”, infatti, è uno strumento (previsto nell’ambito dei Contratti di sviluppo) pensato per sostenere, per l’appunto, alcune specifiche filiere produttive. Come avranno notato gli “addetti ai lavori”, si tratta di una misura gemella dello sportello “Competitività e resilienza delle filiere produttive”, finanziato nel 2022 dal PNRR. Vediamo quindi a chi si rivolge questo sportello, che interventi finanzia e come presentare la domanda.

Sportello Filiere produttive: a chi si rivolge

Ma la tua azienda può richiedere questa agevolazione? Il Contratto di sviluppo “Filiere produttive” si rivolge a tutte le aziende richiedenti che operino nelle seguenti filiere produttive:

  • Design, moda e arredo;
  • Aeronautica e aerospazio;
  • Chimico e farmaceutico;
  • Alimentare;
  • Gomma e plastica;
  • Metallo ed elettromeccanica

I progetti di investimento per cui si richiede l’agevolazione devono riguardare ricerca e sviluppo, innovazione e soprattutto produzione. È essenziale, al fine di ottenere una buona valutazione della progettualità presentata, che il programma di sviluppo si caratterizzi per la presenza di forti legami con la filiera territoriale di appartenenza.

Attenzione però! Per accedere all’agevolazione il programma presentato deve prevedere spese ammissibili per almeno 20 milioni di euro! Insomma, ci troviamo di fronte a una linea di finanziamento pensata per interventi di grande portata, che abbiano un impatto decisivo sulla filiera produttiva di riferimento.

Gli interventi previsti, inoltre, dovranno poi essere realizzati entro 36 mesi (eventualmente prorogabili per ulteriori 18 mesi qualora vi sia una valida motivazione).

Le agevolazioni dello sportello Filiere produttive

Lo sportello Filiere produttive, in fase di valutazione delle proposte, premia i progetti che abbiano un buon impatto occupazionale, che si caratterizzino per una forte innovatività, che coinvolgano più soggetti imprenditoriali (soprattutto piccole e medie imprese). Il punteggio potrà ulteriormente crescere se le imprese proponenti sono dotate di almeno una certificazione ambientale e se hanno un buon rating di legalità.

Bada bene: lo sportello Filiere produttive approva agevolazioni sotto forma di contributo diretto alla spesa e/o contributo in conto impianti.

Sportello Filiere produttive: come fare la domanda

Vediamo adesso come fare la domanda per richiedere le agevolazioni previste dallo sportello Filiere produttive.

Innanzitutto, va precisato che l’unico modo per presentare la domanda di Contratto di sviluppo è accedere al sito Invitalia (www.invitalia.it) e, seguendo la procedura guidata, inviare telematicamente la documentazione (anch’essa disponibile sul sito).

Dai un voto a questo articolo:
[Totale: 0 Media: 0]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prenota una consulenzaClicca qui
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.