Cosa sono le start up innovative e quali sono i vantaggi per gli aspiranti imprenditori che decidono di avviare il loro business con questa tipologia di impresa? Molti sono i requisiti previsti dalla legislazione vigente e molti anche i benefici di cui si può godere costituendo una start up innovativa.

Se per il tuo progetto imprenditoriale pensi che la start up sia la soluzione più giusta, leggi questa guida per saperne di più.

I requisiti della start up innovativa

Quando leggi o senti parlare di questa tipologia d’impresa, devi sapere che s’intende una società di capitali, regolamentata dall’art. 25, comma 2 del DL 179/2012, avente sede legale in Italia.

Le caratteristiche

  1. L’impresa deve essere costituita ed essere operativa da non più di 60 mesi.
  2. Dal secondo anno di attività deve avere un totale del valore della produzione annua che sia inferiore a 5 milioni di euro;
  3. L’oggetto sociale principale deve riguardare lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;
  4. L’impresa non deve essere nata a seguito di una fusione o scissione societaria e nemmeno dopo una cessione di ramo d’azienda.
  5. La start up innovativa non deve distribuire utili;

Inoltre, la società per essere definita start up deve possedere almeno un requisito tra i seguenti:

  • essere titolare, licenziaria o depositaria di almeno un diritto esclusivo su un’invenzione industriale o biotecnologica;
  • 1/3 dei dipendenti deve possedere il titolo di laurea o dottorato di ricerca e  aver svolto negli ultimi 3 anni un’attività di ricerca certificata;
  • le spese di ricerca e sviluppo devono essere uguali o superiori al 15% dell’importo più elevato fra costo e valore totale della produzione.

Agevolazioni per start up innovative

I benefici per gli imprenditori titolari delle start up sono molti e davvero utili alla crescita dell’impresa. Se sei interessato alla costituzione di una start up innovativa, ti sarà utile conoscere le principali agevolazioni di cui potrai godere.

I vantaggi economici per gli startupper

I titolari di una start up innovativa possono essere esonerati dal pagamento dei diritti camerali e delle imposte di bollo. Inoltre, non dovranno pagare il diritto annuale ed i diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio.

Sono da evidenziare anche gli incentivi fiscali per gli investimenti degli startupper nell’anno 2018, ovvero le detrazioni Irpef del 30%.

Rispetto alle risorse umane in forza all’azienda, il personale assunto dall’impresa potrà essere inquadrato con contratti a tempo determinato di durata variabile, tra 6 e 36 mesi. Inoltre, i dipendenti potranno essere remunerati con strumenti di partecipazioni al capitale sociale, come i piani di stock option.

3 opportunità per le start up innovative

  • Raccogliere capitale attraverso campagne di equity crowdfunding, da effettuare online su portali autorizzati dalla Consob.
  • Accesso gratuito al Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese.
  • Se la start up non cresce, è disponibile la procedura fail fast facilitata che permette all’imprenditore di ripartire con un nuovo progetto in modo semplice e veloce, senza dove seguire l’iter burocratico del fallimento.

Cosa deve fare una start up per accedere alle agevolazioni?

Un’azienda costituita come start up innovativa, per poter beneficiare di tutti i vantaggi, deve registrarsi nell’apposita sezione del Registro delle Imprese. La durata massima del regime agevolato è di 5 anni dal momento della costituzione

Se vuoi ricevere informazioni o hai dei dubbi, scrivi la tua richiesta nei commenti.