I fondi Cultura Regione Sicilia sono il risultato di un processo di sviluppo che mette al centro il patrimonio culturale siciliano. Ecco perché il bando per la tutela e la valorizzazione delle aree di attrazione, mette a disposizione dei beneficiari un finanziamento a fondo perduto fino al 100% per promuoverne il valore e la messa in rete.

Entra nel dettaglio del bando per saperne di più sulla concessione del contributo previsto nell’ambito dei finanziamenti europei.

Scheda informativa sui fondi cultura Regione Sicilia

Ecco una sintesi del bando PO FESR 2014/2020 Misura 6.7.1 denominato “Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo”.

I soggetti beneficiari

L’intervento finanziario si rivolge allo Stato, agli Enti ecclesiastici, a quelli locali e alle Fondazioni convenzionate con la Regione.

Hai letto: Finanziamenti a Fondo Perduto 2018 Bandi Febbraio

I progetti d’investimento

La concessione del contributo a fondo perduto sarà approvata se il soggetto richiedente sarà in possesso dei requisiti richiesti, quindi se il progetto proposto rientrerà tra una delle seguenti tipologie:

  • interventi di restauro del patrimonio culturale, materiale e immateriale;
  • realizzazione di allestimenti museali e di percorsi di visita;
  • acquisto di attrezzature e dotazioni tecnologiche;
  • opere di miglioramento dell’accessibilità delle aree esterne di pertinenza degli attrattori;
  • operazioni per la sicurezza e la vigilanza.

Se sei interessato ai fondi per la cultura della Regione Sicilia, ti suggerisco di leggere anche l’articolo Bando Cultura Sicilia 2018 per la creazione di servizi culturali.

Il contributo cultura nel dettaglio

Per la misura 6.7.1 del PO FESR 2014-2020 è stata messa a disposizione una dotazione finanziaria di 4.206.447,40 euro. Le agevolazioni per il patrimonio culturale siciliano saranno riconosciute sotto forma di contributo senza vincolo di rimborso fino al 100% per un importo massimo di € 300.000,00.

Il processo di valutazione

I progetti presentati saranno valutati in base a diversi criteri, quali l’efficacia dell’operazione o del progetto (max 35 punti), l’efficienza attuativa (max 10 punti), la qualità progettuale intrinseca, innovatività e integrazione con altri interventi (max 55 punti) e i criteri premiali (max 20 punti).

Tempi e modalità di accesso alle agevolazioni

La scadenza del bando è fissata per il 13 febbraio 2018. Per partecipare occorre compilare il modulo di domanda, sottoscriverlo con firma digitale e caricarlo sul Portale delle Agevolazioni.  Successivamente  il richiedente dovrà provvedere ad inviarlo mezzo PEC ([email protected]) con tutti gli allegati richiesti.

La documentazione da allegare

La domanda di accesso al contributo finanziario dovrà essere corredata di alcuni documenti tra i quali:

  • relazione tecnico-economica dell’operazione;
  • copia del progetto dell’operazione approvato dall’ente richiedente e della relazione relativa allo stato di fatto;
  • cronoprogramma dell’intervento per il quale è richiesta l’ammissione al finanziamento a fondo perduto;
  • convenzione in atto con la Regione Siciliana (per enti ecclesiastici e fondazioni).

L’elenco completo della documentazione da allegare e il testo della delibera sono scaricabili sul sito Euro Info Sicilia.

Hai qualche dubbio o qualche domanda da fare? Scrivi la tua richiesta nei commenti.