È attivo il bando per l’erogazione del contributo a fondo perduto a favore del turismo innovativo nella Regione Veneto. L’obiettivo dell’intervento finanziario è quello di stimolare nuovi investimenti nel settore ricettivo turistico e diversificare, così, l’offerta e i prodotti proposti.

Le risorse stanziate ammontano a € 6.000.000. Si tratta di fondi pubblici destinati alle imprese del territorio regionale che intendono realizzare progetti di ammodernamento, innovazione e miglioramento delle strutture.

Entra nel dettaglio del bando per conoscere il funzionamento e tutti i requisiti per accedere alle agevolazioni.

Bando Turismo Innovativo Regione Veneto

L’intervento finanziario, approvato all’interno del Programma Operativo Regionale POR FESR 2014/2020 Azione 3.3.4. Sub-Azione C, favorisce l’aumento della competitività delle imprese e lo sviluppo dell’economia locale.

Scopri a chi si rivolge e quali sono le tipologie di spese che possono essere finanziate.

Potenziali beneficiari

La domanda di contributo può essere presentata dalle micro, piccole e medie imprese che gestiscono o sono proprietarie di strutture ricettive negli ambiti territoriali indicati nel bando. Ecco un elenco delle tipologie di strutture che possono presentare la richiesta:

  • alberghiere: alberghi o hotel, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi;
  • all’aperto: villaggi turistici, campeggi;
  • ricettive complementari: alloggi turistici, case per vacanze, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast, rifugi alpini;
  • localizzate in ambienti naturali.

Requisiti

Il bando si rivolge alle PMI di pianura (l’elenco dei comuni è disponibile sul sito https://www.regione.veneto.it/web/turismo/contributi-finanziamenti) che presentano una situazione di regolarità contributiva, previdenziale e assistenziale, senza alcuna procedura di liquidazione o fallimento in corso.

Tipologie di spese ammissibili

I progetti finanziabili sono quelli che prevedono investimenti materiali e immateriali riguardanti opere edili, murarie o di impiantistica; strumentazione tecnologica e progettazione. Non solo, tra le voci di spesa ammesse al finanziamento, ci sono quelle relative alle attrezzature, macchinari e arredi funzionali ai progetti e tutto ciò che è connesso all’ottenimento di certificazioni ambientali, energetiche o attestanti la qualità e la sicurezza.

 

 

Informazioni pratiche sul bando per le strutture ricettive turistiche in Veneto

L’agevolazione per il turismo innovativo si concretizza in un contributo in conto capitale senza vincolo di rimborso. L’impresa richiedente potrà scegliere il regime d’aiuto per l’erogazione del sostegno: de minimis o aiuti agli investimenti a favore delle PMI.

Numeri e misure

  1. In regime de minimis: l’investimento dovrà comprendere una spesa compresa tra € 100.000,00 e € 500.000,00. Per ognuno sarà riconosciuto un contributo massimo di € 200.000,00 e comunque fino al 40% delle spese ammissibili.
  2. Aiuti agli investimenti a favore delle PMI: le spese dovranno essere comprese tra € 200.000,00 e 2.000.000,00 e con un’erogazione massima fino al 20%.

Termini e modalità di presentazione della domanda

Le imprese interessate a partecipare al bando potranno inviare la propria richiesta attraverso SIU, la piattaforma telematica della Regione Veneto. La domanda di contributo dovrà essere compilata online, previo accreditamento sul sistema e, poi, inviata, completa di tutta la documentazione a corredo. Per essere ammessa alla fase istruttoria, occorre allegare: relazione tecnico-illustrativa del progetto; referenze bancarie; attestazione capacità finanziaria dell’impresa e altri documenti necessari per la valutazione del progetto.

Se vuoi presentare la domanda di contributo, hai tempo fino al 7 maggio 2019.

 

 

Dai un voto a questo articolo:
[Totale: 0 Media: 0]

Pin It on Pinterest

Share This