Il bando Prism-E sostiene le imprese piemontesi nella realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale. L’aiuto consiste in una doppia agevolazione a favore dell’innovazione: un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato.

Ti consigliamo questo articolo di sintesi per farti un’idea sul funzionamento del bando, sui requisiti per presentare la domanda e sulle caratteristiche dei progetti ammissibili. Con le informazioni complete a tua disposizione, potrai poi procedere con la richiesta attraverso Sistema Piemonte, il portale online per le domande di finanziamento.

Sintesi bando PRISM-E: ricerca e sviluppo in Piemonte

L’intervento finanziario, attivato nel POR FESR 2014-2020, aiuta le imprese a realizzare progetti che siano coerenti con la Strategia di specializzazione intelligente regionale e con le Agende strategiche di ricerca dei Poli di Innovazione piemontesi.

Scopriamo a chi si rivolge e quali sono le voci di spesa che possono essere finanziate.

I beneficiari

L’accesso alle agevolazioni è consentito sia alle micro, piccole e medie imprese, che alle grandi imprese purché collaborino almeno con una MPMI. Non solo, potranno presentare la domanda anche gli End User7 (pubblici o privati senza scopo di lucro) nel limite del 10% massimo dei costi ammissibili e solo per le spese di personale.

Le spese ammissibili

Il bando prevede che per ogni progetto possano essere finanziati le seguenti tipologie di spesa:

  • risorse umane (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati nel progetto di ricerca);
  • prestazioni rese da soci, titolari e amministratori, per le quali non è possibile certificare i costi sostenuti;
  • spese generali nella misura forfait del 15% dei costi diretti per il personale;
  • strumenti, materiali e attrezzature funzionali al progetto di ricerca;
  • consulenze e spese viaggio legate alla partecipazione al progetto congiunto.

Agevolazioni PMI Ricerca e sviluppo in Piemonte

La dotazione finanziaria del bando ammonta a € 58.500.000 ed è destinata alle seguenti aree tematiche:

  • Agrifood;
  • Ict;
  • Green Chemistry and Advanced Materials;
  • Smart products and manufacturing;
  • Textile;
  • Energy and Clean Technologies;
  • Life Sciences.

I finanziamenti nel dettaglio

Il bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto a sostegno delle spese di personale, spese per apporti in natura (prestazioni non certificabili) e spese generali. Invece, per consulenze, strumenti e attrezzature, materiali e viaggi, le imprese beneficiarie accederanno a un finanziamento a tasso agevolato con queste caratteristiche:

  • 70% fondi POR FESR 2014/2020, a tasso zero;
  • 30% fondi bancari alle condizioni previste dagli istituti bancari convenzionati.

L’importo minimo di investimento ammissibile è di € 300.000 nel caso si tratti di attività collaborative tra MPMI e di € 600.000 se nel raggruppamento è presente una Grande Impresa.

La presentazione della domanda

La partecipazione al bando è vincolata alla presentazione della richiesta entro le ore 17 del 8 marzo 2019. Per procedere alla compilazione della domanda, scarica il modulo telematico dal sito della Regione Piemonte. Per inviare la richiesta dovrai autenticarti sull’applicativo FINanziamenti DOMande di Sistema Piemonte e seguire le istruzioni. La domanda sarà ammessa alla fase di valutazione solo se firmata digitalmente e se completa di tutta la documentazione richiesta.