Il bando internazionalizzazione Regione Lazio è una misura finanziaria volta a rafforzare la competitività delle imprese. L’intervento prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto a sostegno dei progetti imprenditoriali che comprendano attività di apertura e consolidamento nei mercati esteri. Ecco una scheda che spiega nel dettaglio come accedere ai fondi.

PMI Regione Lazio: il bando per l’internazionalizzazione

Il POR FESR 2014/2020 con la Misura 3.4.1 regolamenta l’accesso al finanziamento da parte delle imprese aventi i requisiti esplicitati nel testo integrale del bando. Scopri nel dettaglio chi sono i potenziali beneficiari e quali sono i progetti finanziabili.

Leggi: Finanziamenti a Fondo Perduto 2018 Bandi Maggio

Bando Internazionalizzazione Regione Lazio a chi si rivolge

La domanda di accesso al contributo potrà essere presentata dalle piccole e medie imprese, dai liberi professionisti, anche in aggregazioni stabili. Nel caso di 2 o più PMI indipendenti ( al massimo 6) aggregatesi temporaneamente, è necessario che esse si siano costituite o al momento della domanda o subordinatamente alla concessione della sovvenzione. Un altro requisito che tutti i soggetti richiedenti devono avere è la sede operativa sul territorio laziale, al più tardi entro la richiesta della prima erogazione.

I progetti finanziabili

Il bando regionale prevede che siano ammessi tutti i progetti d’internazionalizzazione e promozione dell’export delle PMI laziali sul mercato estero. Ecco un breve elenco delle attività che potranno essere oggetto del finanziamento:

  • partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali ed eventi commerciali all’estero;
  • organizzazione e realizzazione di eventi promozionali, tramite l’acquisizione di servizi specialistici da fornitori qualificati e indipendenti;
  • showroom ed esposizioni all’estero per un massimo di 12 mesi;
  • attività e relative spese connesse alla realizzazione della prima vendita in un Paese estero;
  • consulenze specialistiche funzionali al progetto d’internazionalizzazione;
  • attività volte a migliorare la qualità della struttura aziendale o del sistema produttivo, attraverso certificazioni e brevetti.

I progetti che beneficeranno del contributo dovranno essere realizzati entro 1 anno dalla concessione dell’agevolazione. Le voci di spesa rendicontate non potranno superare 30.000 euro per le PMI in forma singola e 100.000 euro per le aggregazioni temporanee.

Il contributo a fondo perduto del Bando Internazionalizzazione Regione Lazio

La dotazione per il bando internazionalizzazione è di € 2.200.000,00.

A seguito della richiesta e della procedura di valutazione, i soggetti ritenuti idonei riceveranno un contributo in conto capitale pari al 70% del totale delle spese ammissibili.

Modalità di erogazione

I soggetti beneficiari potranno richiedere un’anticipazione del contributo entro 3 mesi dalla concessione, di almeno il 20% e al massimo del 40%. L’erogazione a saldo avverrà a fronte della rendicontazione delle spese sostenute, da presentare entro 13 mesi dalla data di assegnazione del premio.

La presentazione della domanda

Il termine per inviare la domanda di accesso al contributo è il 24 maggio 2018 alle ore 12. Le richieste dovranno essere presentate secondo la procedura a sportello, che dopo la compilazione del formulario attraverso la piattaforma GeCoWEB avvenuta entro il 13 febbraio, prevede ora l’invio della domanda via PEC. L’assegnazione delle risorse sarà effettuata secondo l’ordine cronologico di trasmissione della domanda.

Prima di procedere con l’invio telematico verifica la modulistica richiesta disponibile online.

Se hai domande o dubbi, scrivi la tua richiesta nei commenti.