Dall’Europa il bando per aree di crisi non complessa

Bandi regione Abruzzo, ecco i finanziamenti a fondo perduto a sostegno delle aree terrritoriali colpite dalla crisi.

0
147

La regione Abruzzo ha reso pubblico l’avviso POR FESR Abruzzo 2014-2020 3.2.1- Interventi di sostegno ad aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive, finalizzati alla mitigazione degli effetti delle transizioni industriali sugli individui e sulle imprese. Aree di crisi non complesse individuate con DGR n°684 del 29.10.2016, così come modificata con DGR n°824 del 5.12.2016”  – REG. (UE) n. 1407/2013 del 18/12/2013.

Il bando

Grazie a questo bando la regione Abruzzo intende catalizzare il processo di ripresa economica, occupazionale e finanziaria nelle aree interessate da crisi non complessa, che siano riconosciute a livello regionale.

Beneficiari

Hanno accesso al finanziamento le piccole e medie imprese che siano iscritte al registro delle imprese alla CCIAA (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura) competente.

Approfondisci: Resto al SudSimest

Codici ATECO 2007 ammessi

Al fine di poter proseguire con la domanda di partecipazione al bando, le piccole e medie imprese sopra citate devono appartenere ai seguenti codici ATECO 2007:

  • Attività Manifatturiere (escluse Fabbricazione di fibre sintetiche e artificiali e siderurgia)
  • Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento (sono ammesse le imprese che si occupano di trattamento e smaltimento dei rifiuti, recupero dei materiali, attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti)
  • Costruzioni (sono ammesse le imprese di costruzioni di edifici, ingegneria civile, lavori di costruzione specializzati)
  • Commercio all’ingrosso e al dettaglio; Riparazione di autoveicoli e motocicli
  • Attività dei servizi di alloggio e ristorazione (alberghi e strutture simili, alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni, aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte, ristoranti e attività di ristorazione mobile, fornitura di pasti preparati e altri servizi di ristorazione)
  • Servizi di informazione e comunicazione (produzione e distribuzione software, consulenza informatica, elaborazione di dati, hosting, portali web)
  • Attività professionali, scientifiche e tecniche (Design di moda e design industriale)
  • Sanità e assistenza sociale (studi medici e odontoiatrici, altri servizi di assistenza sanitaria)
  • Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
  • Altre attività di servizi (riparazione computer e beni per uso personale e per la casa, lavanderie industriali, centri per il benessere fisico)

Finalità del finanziamento

Grazie ad un sistema di aiuti de minimis, come abbiamo accennato sopra, questo bando mira ad una ripresa delle aree oggetto di crisi non complessa.

Per questo motivo il bando finanzia la realizzazione di nuovi prodotti oltre a favorire il rafforzarsi dei professi produttivi. A questo obiettivo vanno affiancati la riorganizzazione dei processi gestionali, organizzativi e di marketing.

Presentare la domanda

Per poter partecipare a questo bando occorre munirsi di tutta la modulistica necessaria per presentare la domanda di finanziamento, che si può trovare facilmente cliccando qui dove è possibile anche leggere la comunicazione ufficiale completa e trovare tutti gli allegati.

Il periodo valido in cui presentare domanda va dalle ore 10:00 del 15/05/2017 alle ore 12:00 del 28/06/2017.

RISPONDI

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome