Il bando Apulia Film Fund 2018 della Regione Puglia è un’opportunità per le imprese delle filiere culturali, turistiche, creative e dello spettacolo. Con questo intervento finanziario s’intende valorizzare le location pugliesi, attraverso un contributo a fondo perduto a favore della produzione di opere audiovisive.

In questo articolo trovi una scheda informativa sul funzionamento del bando e sui requisiti richiesti per accedere alle agevolazioni.

Sintesi del bando Apulia Film Fund Puglia 2018

Il Programma Operativo della Regione Puglia 2014-2020 ha attivato Apulia Film Fund, con l’intento di sostenere i nuovi investimenti che contribuiscono allo sviluppo economico del territorio e .

Scopri a chi è destinato il bando e quali progetti possono essere finanziati.

A chi si rivolge

I potenziali beneficiari delle agevolazioni sono le micro, piccole e medie imprese di produzione audiovisiva, cinematografica e televisiva italiane, europee ed extraeuropee che desiderano investire in produzioni in Puglia.

I soggetti richiedenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscrizione al Registro per le imprese con codice primario ATECO 59.11;
  • essere produttori o coproduttori dell’opera presentata (per la quale non deve essere stata erogata altra agevolazione da parte della Fondazione Apulia Film Commission o dalla Regione Puglia);
  • svolgere la propria attività nel settore “Produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi”.

Non saranno ammesse le richieste da parte di imprese in difficoltà, con procedure di fallimento in corso, amministrazione controllata, scioglimento della società, concordato preventivo o con piano di ristrutturazione dei debiti.

I progetti finanziabili

Gli interventi ammissibili potranno essere realizzati completamente o solo in parte nella Regione Puglia. Le produzioni accettate sono: fiction/serie per tv o web, film, documentari, cortometraggi di fiction, animazione, videoclip o format come reality e talent show. La realizzazione deve prevedere una presenza minima nella location pugliese dai 2 ai 6 giorni, a seconda della tipologia di produzione.

Quali spese sono ammesse

Le voci di spesa rimborsabili sono tutte quelle sostenute dall’impresa beneficiaria per la realizzazione dell’opera agevolata, ovvero i costi sostenuti per le fasi di sviluppo, pre-produzione, lavorazione e post-produzione.

L’aiuto economico riconosciuto ai beneficiari non copre l’acquisto di macchinari e attrezzature, le spese effettuate prima della domanda di contributo e qualsiasi altra tipologia di costo non funzionale alla realizzazione del progetto.

Il contributo a fondo perduto per opere audiovisive, televisive e cinematografiche

Il bando Regione Puglia ha una dotazione finanziaria complessiva di € 10.000.000,00 che prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto fino al 75% delle spese finanziabili.

Numeri e misure del bando

L’aiuto economico è determinato in base alla tipologia di progetto presentato e riconosciuto alle imprese fornitrici di beni e servizi con residenza fiscale in Puglia. In breve:

  • 75% dell’importo in favore di lavoratori e professionisti, iscritti nel database Production Guide della 8 Fondazione Apulia Film Commission, per tutte le tipologie di progetti;
  • 30% per la categoria Fiction, per un massimo di € 1.000.000,00;
  • 50% per la produzione di documentari e affini, max € 100.000,00;
  • 70% per i cortometraggi, per un massimo di € 40.000,00;
  • 50% per le produzioni afferenti alla categoria Animazione fino a € 250.000,00;
  • 30% per la categoria Format, per un massimo di € 100.000,00.

Modalità di presentazione della domanda

Se sei in possesso dei requisiti e vuoi inviare la tua candidatura, hai tempo fino al 15 dicembre 2018.

La domanda dovrà essere inviata tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) all’indirizzo [email protected], completa degli allegati necessari per la valutazione tecnica del progetto.  Nel testo integrale del bando (scaricabile) trovi l’elenco dettagliato dei documenti richiesti.