Artigiancassa Finanziamenti Agevolati Imprese Artigiane

da | 4 Gen 2022 | Approfondimenti | 23 commenti |

Artigiancassa è una società finanziaria che oggi fa parte del gruppo BNP Paribas e si occupa nello specifico della gestione dei fondi pubblici destinati alle imprese artigiane costituite o in fase di costituzione, che sono tra i soggetti aventi diritto ai finanziamenti agevolati che vengono concessi anche da altre banche nazionali.

Per chi vuole fare impresa rappresenta un’interessante occasione nell’ottica di un ampliamento o della creazione in particolare di quelle artigiane ma non solo, individuando tutti i tipi di finanziamenti che possano adattarsi al meglio a ogni singola realtà imprenditoriale.

Cos’è un’impresa artigiana e perchè deve richiedere il finanziamento Artigiancassa

Per avviare un’impresa vengono periodicamente promossi dei finanziamenti a fondo perduto, cioè che non prevedono la restituzione all’ente erogatore, ma anche anche finanziamenti per nuove imprese con vincoli relativi all’età dei richiedenti o i finanziamenti per imprenditoria femminile, che appunto agevolano la voglia di fare impresa di donne che possono creare una società.

Le possibilità sono diverse e vanno tutte vagliate per capire quale può essere la più adatta.

Un’impresa artigiana è quella dove vengono creati, a partire dalla materia prima, dei manufatti e delle creazioni senza parti o porzioni aggiunte già precedentemente precostituite.

Il credito agevolato

Chi è titolare o ha creato già un’impresa artigiana può avvalersi nell’ambito dei finanziamenti agevolati della legge 949/52 di Artigiancassa, che prevede un contributo in conto interessi per avere liquidità in vista degli investimenti da fare anche per la stessa crescita della realtà imprenditoriale.

Artigiancassa: i destinatari del finanziamento agevolata

Per richiedere il finanziamento per le imprese artigiane è necessario avere dei requisiti specifici.
Il primo è quello di essere iscritti nel registro delle imprese e presso la Camera di Commercio con la denominazione di impresa artigiana.

E’ questo un requisito imprescindibile che si aggiunge al fatto di potersi costituire anche sotto forma di una cooperativa o un consorzio.

Gli imprenditori nel campo dell’artigianato possono anche non avere ancora creato fattivamente l’impresa, per cui c’è una deroga che concede tempo per altri 12 mesi, a partire dal giorno in cui è stata inoltrata alla banca la domanda di finanziamento agevolato, per regolarizzare la propria posizione.

Il finanziamento agevolato riguarda anche l’imprenditoria femminile, facendo riferimento alla legge n. 215 del 1992.

Anche per quanto riguarda i finanziamenti per l’imprenditoria femminile l’impresa può essere stata già creata o si può inoltrare domanda come “aspiranti” imprenditrici artigiane.

Cos’è il contributo in conto interessi

Il finanziamento che viene offerto da Artigiancassa è un contributo in conto interessi e non a fondo perduto.

Cosa significa contributo in conto interessi?

Il contributo in conto interessi previsto da Artigiancassa consiste in una somma di denaro, appunto il finanziamento, che viene erogato da un ente come la banca sul medio o lungo periodo e che prevede un contratto tra l’impresa richiedente e l’istituto che lo emette.

Il finanziamento di Artigiancassa viene concesso alle imprese artigiane in virtù della legge di riferimento sopra citata, che prevede l’abbattimento degli interessi secondo quando definito dalla banca che lo eroga e che quindi non grava sull’impresa che deve restituire il finanziamento stesso.

A volte la dicitura di “contribuito in conto interessi” può anche indicare l’applicazione di un tasso sul finanziamento più basso rispetto a quello praticato ai livelli di mercato.

La natura di questa operazione finanziaria segue tuttavia la consueta prassi per cui la banca opera una valutazione delle possibilità di rimborso di cui è capace l’impresa che richiede il finanziamento, verificando anche le effettive che può offrire.

Per definire l’ammontare dell’importo, questo deve essere richiesto in base al fabbisogno di strumenti e attrezzature, alle migliore da apportare a un’azienda già esistenze in vista di nuovi investimenti o anche per avere una maggiore liquidità.

Il contribuito in conto interessi è naturalmente definito in base all’importo del finanziamento e il calcolo del tasso di riferimento è quello dell’Unione Europea.

Tale riferimento è definito dal Ministero per le Attività Produttive con un apposito decreto che rispetta ovviamente le normative europee.

Il contributo calcolato sarà erogato all’impresa, tramite la banca concessionaria, in un unico importo e per i limiti degli nella richiesta del finanziamento, bisogna consultare i fogli informativi o recarsi presso l’istituto.

Artigiancassa: cosa finanzia

Oltre ai requisiti sopra descritti, il finanziamento in conto interessi può essere richiesto per specifici motivi, tra cui, come accennato, ci sono importanti aspetti che possono dare un grande aiuto sia alle imprese ancora in embrione che a quelle già avviate, ma che hanno bisogno di limitare le spese e avere più disponibilità di liquidi.

Il finanziamento può essere richiesto anche per la costruzione, le migliorie, l’acquisto del laboratorio artigianale.

Non sono esclusi anche gli ampliamenti o l’acquisto del terreno dove dovrebbe sorgere l’impresa.

Proprio in relazione alla realizzazione dei lavori il finanziamento può comprendere anche le spese tecniche di allestimento dei locali, l’acquisto di macchinari nuovi o in aggiunta a quelli già presenti nonché della materia prima, anche nel caso in cui si ha necessità di fare scorta in magazzino.

Come si può notare il finanziamento non esclude nessuna fase, sia della creazione dell’impresa che dell’agevolazione nel mercato del lavoro, una volta che è stata avviata.

Per tale motivo si può destinare il finanziamento anche all’acquisto di licenze, dispositivi informatici, software e misure che siano destinate a migliorare la condizione dei lavoratori e la loro sicurezza.

In vista di un rilancio dell’impresa o della pubblicizzazione all’avvio, si possono destinazione i fondi anche a una campagna di comunicazione mirata, alla promozione a tutti i livelli e che comprenda i canali ritenuti più opportuni per farsi conoscere a livello locale, nazionale e internazionale.

Proprio all’estero si può rivolgere l’attenzione per quanto riguarda l’apertura di nuove sedi o filiali oppure per le spese da affrontare nel caso di fiere o di trasferte, che sono ugualmente contemplate nel finanziamento.

Nulla insomma è lasciato al caso dalla programmazione di questo finanziamento destinato alle imprese artigiane che non si sentiranno gravate dal peso degli interessi.

Qualsiasi cifra venga richiesta solitamente pesano in media almeno per il 30% del finanziamento, fermo restando le condizioni che possono cambiare da una banca all’altra.

Proprio il tema dell’indebitamento è quello che può essere incluso nelle motivazioni della richiesta di finanziamento in conto interessi. Il debito che grava su un’impresa di vecchia o nuova costituzione può essere onorato per dare maggiore respiro nella disponibilità di liquidi e nell’avere più tempo per pagare lo stesso finanziamento.

Una “clausola” relativa alla concessione del finanziamento, è che il motivo per cui è stato richiesto non deve cambiare per tutta la sua durata.

Dai un voto a questo articolo:
[Totale: 4 Media: 4.3]

23 Commenti

  1. Ennio

    Buona sera, Sono Ennio e ho un negozio di Parrucchiere dal 2003, mi interessava sapere se posso prendere un finanziamento di ca. 40.000 euro per ristrutturazione e stigliatura.

    Rispondi
  2. ANTONIO PINNA

    SALVE IO SONO UN ARTIGIANO AVREI GIA FATTO RICHIESTA TEMPO FA PER IL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO 40% PER ACQUISTO DI UN MEZZO PER LAVORO VOLEVO SAPERE I TEMPI PREVISTI PER L’EROGAZIONE DOPO AVER INVIATO TUTTI I DOCUMENTI GRAZIE

    Rispondi
    • Marco Vuotto

      Ciao Antonio dovresti a chi ti ha predisposto la pratica che tipo di domanda ha fatto

      Rispondi
  3. Alessandro

    Buongiorno, vorrei aprire di sana pianta una pescheria con cucina a Cento (FE). quindi devo ancora costituire la ditta,devo aprire la partita Iva, iscrivermi alla Camera di commercio. Questo progetto può rientrare nella richiesta di un finanziamento? La cifra da finanziare 50.000 € ca. Intanto grazie.

    Rispondi
    • Marco Vuotto

      Si il progetto descritto rientra nel finanziamento Artigiancass

      Rispondi
  4. massimiliano portiero

    Salve, a giorni costituiro una societa multiservizi. l’intento di investimento e rivolto all’ambiente ed i rifiuti in genere come amianto e rifiuti speciali pericolosi e non, inoltre intendiamo dedicarci al mondo delle pulizie e sanificazioni non che edilizia in genere mirata a lavori pubblici. la necessita e caratterizzato dalla mancata liquidità per l’acquisto di mezzi speciali quali espurgo pozzi e mezzi vari da cantiere, quindi una piu veloce attivazione dell’impresa in se. Grazie in anticipo

    Rispondi
  5. Raffaele

    Salve sto avviando una nuova attività mi chiedevo se c’erano aiuti per le startup

    Rispondi
    • Carmen Provetta

      Certo, le startup sono molto agevolate. Che attività vorresti avviare? E dove?

      Rispondi
  6. Lino Smorta

    Salve volevo chiedere io ho aperto la mia attività di parrucchiere a settembre 2019 a Bergamo posso avere un’aiuto

    Rispondi
  7. aurora citro

    ho 21 anni e vorrei aprire una pizzeria- gastronomia da asporto. posso avere delle agevolazioni per l’acquisto dei macchinari?

    Rispondi
    • Sonia

      Buonasera io ho rilevato una attività artigiana di lavanderia a marzo 2020. Vorrei acquistare il fondo dove sto lavorando e del quale sto pagando regolarmente l’affitto. Ci sono delle agevolazioni x questo tipo di investimento?

      Rispondi
  8. Mari

    La nostra società Artgiana è nata a giugno 2020 e si occupa di montaggio, smontaggio e allestimenti di stand fieristici.
    Può accedere al finanziamento per il rilevamento di un’attività?
    Grazie

    Rispondi
  9. Gennaro D'Alise

    attività artigianale aperta a luglio 2019 posso accedere a qualche finanziamento per ristrutturazione locale e ampliamento attività premetto che ho 52 anni

    Rispondi
    • Carmen Provetta

      Ciao Gennaro, dov’è ubicata l’attività artigianale? Quanto vorresti richiedere in termini di importo?

      Rispondi
      • Gianpaolo Gesue'

        Buona sera Carmen … Mi occupo di installazione serramenti e avrei bisogno di un finanziamento per attrezzature e furgone ..quali requisiti occorrono?

        Rispondi
  10. sabrina

    buongiorno sono una ragazza di 36 anni e vorrei aprire il mio negozio di parrucchiere estetica,al momento sono in disoccupazione ma avrei già trovato il locale da ristrutturare e avviare in zona di forte passaggio dove ho già lavorato per molti anni. purtroppo non riesco ad avere i fondi per iniziare questo sogno. E’ possibile avere un consulto per un finanziamento?

    Rispondi
    • Marco Vuotto

      Ciao Sabrina i consulti li lasciamo fare ad altri noi facciamo consulenza……se vuoi puoi direttamente tu prenotarti una consulenza specialistica!

      Rispondi
  11. Luana

    Buonasera la mia azienda è nata nel marzo 2017 con l’acquisto di svariati macchinari visto che ci occupiamo di stampa digitale.
    Dovremmo acquista una nuova stampante tecnologica del valore circa di 56000,00 + Iva e vorrei sapere che genere di agevolazioni posso chiedere x un finanzimento, premetto che l’azienda è una srls e io sono la titolare donna.
    Mi potrebbe fare un prospetto di finanzimento x regolarmi anche con i costi della rata mensile, considerando il periodo x 5 anni.
    Grazie

    Rispondi
  12. Manolo

    Buongiorno,ho aperto la mia nuova azienda il 20 febbraio 2019,vorrei avere informazioni sul tipo di finanziamento agevolato che potrei richiedere….non ho uno storico in quanto non ho ancora usufruito di forniture e ne di vendite. E’ una società Artigiana con vendita al dettaglio di pasta fresca e norcineria con primi di pasta fresca espressa e aperitivi con taglieri di salumi e formaggi di norcia e amatrice..

    Rispondi
  13. patrizia

    avviare una nuova attivita’ forniture per parrucchieri

    Rispondi
  14. Cristina

    Vorrei maggiore informazioni

    Rispondi
    • Marco Vuotto

      Qualìè la domanda??

      Rispondi
  15. salvatore

    progetto per nuova attivita parrucchieria.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *